Kechene Women Pottery - Etiopia

 

 

             
artigiana - Kechene women's Pottery (Etiopia)
“Non c’è nulla che riesce a darmi la stessa soddisfazione che mi dà la terracotta. È grazie alla terracotta che riesco a condurre una vita soddisfacente e posso sostenere i miei bambini. Quando produco la terracotta, anche se sono malata, mi sento in salute. Mi piace produrre articoli in terracotta anche quando ho un malanno, la terracotta ha il potere di curarmi e di farmi sentire meglio”.
Artigiana della cooperativa Kechene Women's Pottery
             
             
             
             
La Kechene Women’s Pottery è una cooperativa che ha sede in una zona periferica di Addis Abeba, nell’omonimo quartiere di Kechene. Il gruppo iniziale si formò su iniziativa della responsabile di un'organizzazione non governativa canadese, che nel 1991 cercò di coinvolgere donne a basso reddito in progetto di imprenditoria femminile.
La produzione di terrecotte è molto comune nel quartiere, ed è tradizionalmente appannaggio delle donne, così come la tessitura è invece un’attività tipicamente maschile. Le tecniche di lavorazione e i modelli vengono trasmessi da madre a figlia, ma le artigiane non sono coordinate tra loro per cui la produzione e la commercializzazione sono svolte in forma individuale.
Il gruppo, dapprima informale, assunse la forma attuale nel 1994, anno in cui venne ufficialmente registrata la cooperativa.
Kechene Women Pottery - Etiopia
 
 
I prodotti di Kechene Women's Pottery hanno come prime tre cifre del codice prodotto: 428
 
   
   
 
 
  Per visualizzare i prodotti clicca qui  
   
 
 
   
   
         
L’obiettivo principale è quello di creare opportunità di lavoro per le artigiane, consentendo loro di migliorare le condizioni di vita delle rispettive famiglie. Alcune delle donne coinvolte sono vedove, o comunque senza compagno, e devono provvedere da sole al mantenimento e alla cura dei figli. Le artigiane coinvolte nel progetto sono circa 30 e svolgono il lavoro sia presso la sede del gruppo che a domicilio.
La cooperativa offre corsi di formazioni sulle tecniche di produzione, il miglioramento della qualità, l’organizzazione del gruppo, sia da un punto di vista di gestione delle dinamiche e dei rapporti che da un punto di vista tecnico-amministrativo. Lavorando insieme, le artigiane hanno inoltre potuto apprendere le une dalle altre, compiendo un percorso di condivisione e di crescita collettiva. Questa attenzione alla formazione e alla creazione di spazi di partecipazione e confronto ha creato, nelle fasi iniziali, qualche problema. Alcune artigiane, infatti, si sono allontanate considerando tali momenti non prioritari, rispetto alla necessità primaria di commercializzare i prodotti per poter sostenere le famiglie.
Chi ha avuto pazienza e ha inteso l’importanza di investire sulla propria formazione e sulla costruzione del gruppo, sta iniziando a raccogliere i frutti di questo percorso, perlomeno per quanto riguarda la formazione professionale e il miglioramento delle proprie capacità.
Nello stesso edificio in cui è situato il laboratorio di produzione la cooperativa ha allestito un negozio, gestito dalle stesse artigiane, in cui sono esposti i manufatti.
Kechene Women's Pottery - Etiopia
La cooperativa trattiene per sé il 20% del ricavato delle vendite, per finanziare le proprie attività, mentre il restante 80% va alle artigiane.
La commercializzazione dei prodotti rimane comunque la difficoltà maggiore, in quanto, attualmente, i principali canali di vendita sono costituiti dalle vendite realizzate nel corso di una fiera (organizzata con cadenza mensile dal coordinamento delle organizzazioni non governative locali e straniere operanti sul territorio), e grazie agli acquisti di alcuni negozi per turisti.
 
                     
                     
                     
                     
                     

 

© 2010 Infinity P.IVA 02575550047