Gie Targanine - Marocco

 

Gie Targanine è un'organizzazione che si è costituita nell'ottobre del 2003. Si tratta di un "raggruppamento di interesse economico", un'organizzazione senza scopo di lucro che coordina il lavoro di 6 cooperative situate in un raggio di 110 km dalla città costiera di Agadir. È la zona delle foreste di argan, un albero che cresce in Marocco nella zona del Souss, in un triangolo di terra compreso tra le città di Agadir, Marrakech ed Essaouira.
 
 

Per visualizzare i prodotti clicca qui

(olio di argan, olio di mandorle e olio di nigella)

 
   
 
 
 
Scheda prezzo trasparente
 
   
         
Nei primi anni novanta, Zoubida Charrouf, docente presso l'Università Mohammed V di Rabat, avviò una serie di studi e ricerche sulle caratteristiche organolettiche dell'olio di argan. I risultati del suo lavoro confermarono ciò che la saggezza popolare da lungo tempo affermava circa le ottime proprietà di questo olio, sia in ambito alimentare che cosmetico. Purtroppo queste caratteristiche non erano sufficienti a garantire la salvaguardia delle foreste di argan, la cui estensione si stava riducendo a causa di squilibri ecologici dovuti all'intervento dell'uomo: nelle zone collinari e montane molti alberi venivano tagliati per ricavare legna da ardere, mentre nelle zone pianeggianti la foresta cedeva il passo all'intensificarsi dello sfruttamento agricolo. La deforestazione aveva come risultato l'erosione del suolo, con effetti legati alla desertificazione delle aree interessate, e all'abbassamento delle falde freatiche. Più di una voce si levò per segnalare la gravità del fenomeno, tanto che l'UNESCO, per tutelarla, dichiarò la zona "riserva della biosfera e patrimonio dell'umanità". Una delle strategie migliori per preservare le foreste era però quello di valorizzarle agli occhi degli abitanti dell'area facendo sì che diventassero una risorsa anche dal punto di vista economico.
Gli studi di Zoubida Charrouf e la sua capacità di coinvolgere persone attorno al progetto diedero impulso alla creazione delle prime cooperative, che successivamente si consorziarono dando vita a Gie Targanine. Le difficoltà da superare erano molte, legate sia ad aspetti produttivi che culturali. Le donne non erano in grado di fornire un prodotto di qualità e non avevano esperienza circa la gestione di una struttura cooperativa. Gli uomini della comunità non volevano accettare che le donne diventassero maggiormente emancipate e ottenessero una certa autonomia economica, grazie a un lavoro equamente retribuito e al miglioramento delle proprie abilità. Seguendo la tradizione le donne avrebbero dovuto occuparsi solo del lavoro dei campi e della cura della famiglia. Grazie a un lavoro di formazione delle produttrici e di sensibilizzazione della comunità locale è stato possibile compiere significativi passi avanti senza per questo generare conflitti o lacerazioni insanabili. Le cooperative sono ora gestite dalle donne, che hanno migliorato le tecniche di produzione in modo da ottenere prodotti di ottima qualità, mentre gli uomini, anche grazie alle positive ricadute economiche sul reddito familiare, hanno incominciato ad accettare l'idea e a rispettare maggiormente il lavoro di madri e figlie.
Gie Targanine è controllata dalle cooperative che ne fanno parte attraverso processi democratici trasparenti e che favoriscono la partecipazione di tutti gli associati. Le attività produttive sono a carico delle organizzazioni associate, mentre la struttura centrale si occupa della commercializzazione, delle attività formative e dei progetti sociali. Ha sviluppato servizi specifici per il settore produttivo, come corsi di formazione volti a migliorare le tecniche di estrazione dell'olio e a implementare il sistema di tracciabilità dei prodotti, corsi sull'igiene e la protezione alimentare.

Targanine gestisce anche un programma per combattere l'analfabetismo femminile nelle zone rurali, corsi di salute di base e di micro imprenditoria, promuove campagne di sensibilizzazione per la salvaguardia delle foreste di argan e seminari sulle problematiche ambientali.
 
                     
   
                     
     
                     
                     
                     
© 2010 Infinity P.IVA 02575550047