Ssit Lequil Lum - Messico

 

La cooperativa Ssit Lequil Lum ("I frutti della madre terra" in lingua tzeltal) è costituita da indigeni zapatisti prevalentemente di etnie chol e tzeltal che vivono nella regione nord del Chiapas.
I villaggi in cui vivono fanno parte, a livello amministrativo, di uno dei 5 Caracoles (chiocciole) nei quali è suddivisa dal 2003 l´organizzazione del movimento zapatista, precisamente quello di Roberto Barrios, o Caracol V. La cooperativa è nata nel 2003, anche se le esperienze aggregative di lavoro collettivo sono anteriori. Già alla fine degli anni novanta, grazie all´appoggio di organizzazioni di base che operano in Chiapas, come il Capise, il Desmi, il Ciepac, il Frayba, Enlace Civil, impegnate nella solidarietà alla causa zapatista, nell´economia solidale, nel supporto alle lotte indigene, erano sorte le prime esperienze collettive di organizzazione cooperativistica.

Ssit Lequil Lum
 
  Per visualizzare i prodotti clicca qui  
   
 
 
   
   
         
         

Con la nascita dei Caracoles, gli zapatisti decisero di rafforzare le proprie cooperative, anche quelle dedite alla produzione del caffè, chiudendo i rapporti con i produttori non vicini al movimento e procedendo in modo autonomo. L´obiettivo prioritario è quello di strutturare forme alternative di economia, svincolate dal mercato tradizionale. Il caffè, principale prodotto rivolto all´export, diventa centrale in questo disegno strategico. Fin da subito si è cercato di curare la qualità del prodotto, anche per smarcarsi dalla dipendenza dagli intermediari al soldo delle grandi imprese (i cosiddetti coyotes).
La cooperativa Ssit Lequil Lum è nata per promuovere la commercializzazione del caffè, ma anche la produzione collettiva, lo scambio di prodotti, la coltivazione di frutta e verdura, l'allevamento e l'artigianato.
È stato avviato un processo di autocertificazione della qualità attraverso la Giunta del Buon Governo ed è stata nominata una commissione di delegati che controllano, a livello locale e municipale, che i vari produttori lavorino senza utilizzo di additivi chimici. La cooperativa non lavora solo per beneficiare se stessa o alcuni municipi, bensì per tutta la Zona Nord del Chiapas: i proventi infatti non vanno unicamente ai 5 municipi produttori di caffè, ma a tutto il Caracol V. Le attività della Ssit Lequil Lum sono parte di un progetto strategico più ampio volto al rafforzamento dell'autonomia, alla crescita integrale di tutti i municipi della zona, al raggiungimento degli obiettivi del movimento zapatista (casa, terra, salute, educazione, alimentazione). I municipi della Zona Nord che non producono caffè commercializzano altri prodotti come mais e fagioli o si dedicano all'allevamento.
Ssit Lequil Lum quindi, pur essendo formata in gran maggioranza da produttori di caffè, si propone l'obiettivo di ridurre la dipendenza da questo prodotto stimolando la diversificazione, migliorando le coltivazioni alternative e promuovendo il commercio locale di quanto si produce nel Caracol V.
Negli anni 2007 e 2008 la cooperativa Ssit Lequil Lum ha lavorato per dotarsi della struttura gestionale e amministrativa necessaria per lo svolgimento delle attività. Con il sostegno dell'ONG Desmi e di una volontaria spagnola, i quattro principali responsabili dell'organo direttivo (mesa directiva) hanno imparato ad utilizzare computer, fax e telefoni, a gestire i permessi per l'esportazione e hanno iscritto la cooperativa presso il registro federale.
La fase successiva è stata quella di trasferire le conoscenze e le capacità acquisite, in modo che più persone all'interno della cooperativa siano in grado di gestire, in modo quasi autonomo, le varie fasi della filiera, compresi gli aspetti legati all'esportazione. Si tratta di una scelta di fondamentale importanza, anche in considerazione del fatto che cambieranno i componenti dell'organo direttivo.
Nel corso del 2010 alla cooperativa si sono aggiunti i produttori del municipio Francisco Villa e la Ssit Lequil Lum ha iniziato a fornire ai produttori prestiti per esigenze personali e problemi di salute.
I contatti con la Ssit Lequil Lum sono nati nel contesto delle relazioni tra la cooperativa zapatista e l'Associazione Tatawelo che, nata come coordinamento informale nel 2003, si è costituita ufficialmente nel 2006 iniziando a seguire direttamente la filiera del progetto.
La collaborazione tra LiberoMondo e l'associazione Tatawelo è cresciuta nel corso degli anni sia nella collaborazione per i viaggi di verifica che per la distribuzione del caffè attraverso la rete delle Botteghe del Mondo.

 
                     
Materiale
                     
Ssit Lequil Lum - video   clicca qui        
                     
Ssit Lequil Lum - documento          
"Camminare domandando. Il movimento zapatista e il progetto Tatawelo"
 clicca qui
                     
Ssit Lequil Lum - mostra            
La raccolta del caffè nel Chiapas zapatista   
Una galleria di immagini che illustra il percorso del caffè e il lavoro di donne e uomini che quotidianamente, tra tante difficoltà e grandi soddisfazioni, costruiscono l'autonomia.   clicca qui

 

© 2010 Infinity P.IVA 02575550047