Sindyanna - Palestina

 

Fondata nel 1996, Sindyanna of Galilee è un’organizzazione non-profit legalmente riconosciuta. Guidata da donne che lottano per un cambiamento sociale, opera tra la popolazione araba in Galilea, regione settentrionale di Israele, e cerca di aiutare i contadini e i produttori dei Territori Occupati.

Inoltre, Sindyanna combina l'attività commerciale con attività nelle comunità locali, rafforzando in tal modo le donne arabe anche grazie allo sviluppo della produzione dell’olio di oliva. L’operato si basa su alcuni temi fondamentali come la difesa della terra dalle confische, la preservazione dell’ambiente, la promozione e applicazione dei principi del commercio equo.

Sindyanna rappresenta un singolare esempio di cooperazione tra arabi ed ebrei, che insieme cercano di rafforzare l'economia della popolazione araba-palestinese, sia in Israele che nei Territori Occupati.

Sindyanna non è solo un mezzo per aiutare gli agricoltori e produttori del sud, ma anche un modo di dimostrare che una soluzione al conflitto in Medio Oriente inizia anche attraverso l’apertura di reali opportunità economiche e la costruzione di reti locali.
sindyanna
 
  Per visualizzare i prodotti clicca qui  
   
 
 
   
   
         
         
 
Progetto Oasi
Il progetto “OASI” (Roha in lingua locale), avviato nel 2010, si prefigge di strutturare una filiera integrata per l’olio di oliva palestinese. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Chico Mendes onlus di Milano, in collaborazione con l’associazione AVAZ di Roma, la cooperativa Commercio Equo di Lecce e LiberoMondo. Il partner locale è l’organizzazione di commercio equo e solidale Sindyanna of Galilee.
Il progetto prevede la bonifica di un terreno di dieci ettari (appartiene a una famiglia araba, ma è situato nella Galilea israeliana, ai confini con i Territori Occupati), l’installazione di un sistema di irrigazione e l’impianto di quattromila ulivi.
Nell’arco di alcuni anni, sarà possibile ricavare dall’appezzamento circa dieci tonnellate di olio di oliva da agricoltura biologica e di commercio equo e solidale. I beneficiari diretti sono 30 contadini e trasformatori arabi (uomini e donne), che vivono in Israele, ma il progetto prevede anche un percorso di formazione all’agricoltura biologica che interesserà circa 300 contadini palestinesi che vivono nella zona.
In Italia, studenti e adulti verranno coinvolti in una serie di iniziative volte a far conoscere la situazione palestinese, attraverso la divulgazione di esperienze di cooperazione tra arabi e israeliani.
 
                     
Approfondimenti
                     
Sindyanna  - video - 1  progetto Oasi clicca qui   
                     
Sindyanna  - video - 2   Sindyanna:
raccolta delle olive a Deir Hana
clicca qui  
                     
Sindyanna  - video - 3
Sindyanna of Galilee -
Fair Trade in Palestina
  clicca qui  
                     
Sindyanna  - video - 4
Ricetta a base di formaggio di capra
con olio di oliva e zaa'tar del commercio equo
clicca qui  
                     

 

© 2010 Infinity P.IVA 02575550047