Tinga Tinga - Tanzania

 

La parola “Tingatinga” deriva dal cognome del mozambicano Edward Said (1932-1972) che negli anni ‘60 ha iniziato a dipingere nella periferia di Dar Es Salaam, capitale della Tanzania, reinventando i temi della fauna africana e introducendo l’uso dei colori acrilici. Dalla sua esperienza è nata una scuola d’arte, i cui esponenti hanno esteso e variato con creatività l’eredità pittorica e cromatica del fondatore.

Così è nata nel 1990 la Tingatinga Arts Cooperative Society Limited, che si compone di 40 soci, alcuni dei quali artisti ormai riconosciuti, attorno ai quali lavorano numerosi apprendisti anche molto giovani. A questi si affiancano altri 40 pittori ancora non soci. Ogni artista contribuisce ai costi della cooperativa, incluse le licenze e le tasse, con il 10% dei ricavi della vendita dei dipinti. La maggior parte degli artisti sono analfabeti o hanno acquisito solo il primo livello scolastico e spesso provengono da famiglie molto povere.

Ogni dipinto Tingatinga ha una sua storia. Gli artisti riescono a produrre innumerevoli scene e silhouette di animali che costituiscono uno degli elementi distintivi dello stile tingatinga: il fondo di colore omogeneo, i contorni decisi delle figure, la propensione per un accentuato contrasto dei colori. Con la medesima tecnica vengono dipinti anche vassoi in legno e bicchieri in alluminio.

 tinga tinga
 
 
I prodotti di Tinga Tinga hanno come prime tre cifre del codice prodotto: 393
 
   
   
 
 
  Per visualizzare i prodotti clicca qui  
   
 
 
   
   
         
         

 

 
                     
   
                     
             
                     
                     
                     

 

© 2010 Infinity P.IVA 02575550047